Al giorno d’oggi, puoi livestream qualsiasi cosa, dai concorsi yo-yo a pipistrelli, pinguini, pulcinelle di mare e orche. Ma 25 anni fa, quando Internet era ancora un territorio relativamente inesplorato, la mondanità dominava il world wide web. Fu durante quel periodo che Jeff Schwartz (alias Webdog) e Dan Wong (alias Danno), due studenti che conseguivano il loro master in tecnologie didattiche alla San Francisco State University, decisero di creare FogCam!, un flusso vivo che ha documentato una giornata tipo nel campus.

Oggi, quella webcam—che è stata ispirata dalla cam Trojan Coffee Pot dell’Università di Cambridge—è la più antica webcam a funzionamento continuo al mondo. Ma tutto ciò sta per cambiare. Come riporta il New York Times, FogCam! chiuderà definitivamente alla fine di agosto.

Dal 1994, FogCam! è stato il monitoraggio della vita degli studenti presso la San Francisco State University di essere collocato in vari punti intorno campus e catturare immagini ogni 20 secondi. Anche se il suo design è relativamente rudimentale – è solo un computer Mac e una fotocamera Schwartz e Wong acquistati presso la libreria campus-non ci volle molto per FogCam! per trovare un modo unico per servire uno scopo reale per gli studenti: potrebbe aiutarli a trovare parcheggi aperti o vedere quali linee erano più brevi al coffee shop Café Rosso. Ma 25 anni dopo, i creatori della fotocamera si sentono come FogCam! ha servito il suo scopo.

“Abbiamo sentito che era ora di lasciarlo andare”, ha detto Schwartz a SF Gate. “La linea di fondo è che non abbiamo più una buona vista o un posto dove mettere la fotocamera. L’università ci tollera, ma in realtà non ci approva e quindi dobbiamo trovare luoghi sicuri da soli.”Schwartz ha detto che nel corso degli anni gli amministratori scolastici hanno minacciato di spegnere la telecamera … ma FogCam! prevalsa. Ora, Schwartz e Wong sono pronti a ritirarlo alle loro condizioni.

La fine di FogCam! segna la fine di un’era, un periodo innovativo in cui si poteva livestream qualsiasi cosa vecchia senza pensarci da un punto di vista aziendale o di marketing. “È stato un ritorno al tempo in cui chiunque poteva pubblicare qualsiasi cosa”, ha detto Schwartz al New York Times. “Molte persone stavano sperimentando. Non è stato molto eccitante. Ma non importava.”

Per quanto riguarda la ricerca di un posto aperto nel parcheggio dell’università: a partire da settembre, gli studenti sono da soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.